Berlusclown is a puppet

Quel burattino di Berlusclown, senza vergogna per aver venduto il culo agli ameri-cani – si e’ scoperto come sia/fosse un cagnolino usa nonostante da questi considerato un pagliaccio

(vedi: http://racconta.espresso.repubblica.it/espresso-wikileaks-database-italia/?ref=HREC1-1)

oggi il grande leader, si e’ detto preoccupato per ciò che sta accandendo nell’intera area nord africana, dove la fronda vuole spazzare via altri fantocci come lui.

Da La Repubblica: Non ho sentito Gheddafi, aggiunge: “La situazione è in evoluzione e quindi non mi permetto di disturbare nessuno(spari sulla folla, piu’ di 100 morti NdA) In una telefonata ad una manifestazione del Pdl a Cosenza, il premier aggiunge: “Siamo preoccupati per quel che succede nel nord Africa e per quello che potrebbe accadere a noi se arrivassero tanti clandestini. Mi sto interessando direttamente e stiamo seguendo con il cuore in gola quello che succede”.

Insomma il problema non sta nel fatto che lui sia un leccaculo (il termine “amico” e’ esilarante, puttana gia’ andrebbe meglio)  pure di Gheddafi – un dittatore non meno in regola di Saddam Hussein – ma che qasso, orde di bastardi immigrati sbarcheranno come un orda di barbari sulle nostre coste devastando il nostro civile paese, manco un nuovo Garibaldi alla conquista sfrenata del Sud per conto del Nord (e qui si, sottolineo il sarcasmo per quei cazzo di revisionisti italioti che dopo 150 anni si scoprono borbonici) .

Tremate gente!  ci vorrebbe tanto uno stato di polizia per rimediare a tutto, no? Magari su modello Reganiano

Tremblez Tyrans