Tags

Related Posts

Share This

Ah ah ah, crowdsourcing in ItaGly

Food for the communnikatorS:

“ROMA (dove sennò NdA) – Dai cervelli in fuga alla rete planetaria di talenti. Perché da oggi l’Italia proverà a guardare a un problema annoso ribaltando lo schema classico: gli scienziati, i ricercatori, gli innovatori che stanno in giro per il mondo non dobbiamo considerarli perduti. Probabilmente non torneranno in patria, ma in fondo non ce n’è bisogno.

Se l’obiettivo è continuare a farli lavorare anche per il Paese dove sono nati e hanno studiato, basta usare bene Internet. Con questa speranza il ministro Giulio Terzi oggi ha convocato alla Farnesina i principali protagonisti del mondo scientifico italiano all’estero per presentare loro un progetto che, se funzionerà, potrebbe rivelarsi rivoluzionario (Rivoluzione  – il giornalista dovrebbe leggere il lemma relativo da un dizionario – NdA) : una piattaforma web per consentire ai talenti di restare in rete e collaborare alla crescita economica dell’Italia.” (il tutto aristocraticamente senza stipendio! woooa NdA)

“È stato Terzi in persona (sua nobiltà il conte  – figlio di papà anteliterram evidentemente, che ha cominciato la sua carriera dipolomatica in fasce – alla faccia dei “bamboccioni” – già filo berlusconiano NdA) a decidere di provare con il crowdsourcing, che considera lo strumento ideale “per valorizzare l’immenso capitale umano che abbiamo in patria e all’estero”. Il perno del progetto saranno quindi i ventidue addetti scientifici in servizio presso le ambasciate e i consolati: finora veicolavano al mondo scientifico italiano le informazione raccolte all’estero attraverso la rete del RISet: ora quelle informazione saranno estese al network Extender che riunisce le imprese interessate ad opportunità di business all’estero. Sarà un’unica, grande, rete al lavoro per l’Italia.”

http://www.repubblica.it/cronaca/2012/04/17/news/progetto_cervelli_fuga-33432235/

Basta con ‘sti progetti del casso utili a gettare fumo negli occhi della cittadinanza e soldi nel cesso. Ma un ministro non ha cose più importanti da cogi-cagare?

No tags for this post.