Tags

Related Posts

Share This

100 anni

Ricorre il centenario della I Guerra Mondiale.

Mi vengono in mente due libri (si, ce ne stanno altri degni di menzione): quello di E. Lussu – “Un anno sull’altipiano” –  e quello di R. Graves “Goodbye to all that”.

Ebbene questo é uno di quei casi letterari in cui l’Italia, la nostra cultura terrona, surclassa l’anglosassone. Difficile paragonare la Gran Bretagna imperiale con l’Italia di inizio Novecento. Difficile spiegare l’abisso che separa i due libri. Mi sento di consigliarne la lettura consequenziale. Si cominci con Lussu – il libro si divora in uno o due giorni –  e poi si continui con il poeta Graves, a stento arrivando alla fine. Graves non lo leggete, a meno che non vi interessi sapere della sua vita di merda (dei suoi parenti e dell’ora del the) “salvata” dalla guerra.

Ringrazio ufficialmente nitronerd che mi fece comprare anni fa “un anno sull’altipiano”. Me lo fece acquistare assieme ad un libro di merda di tale calibro che a stento ne rammento titolo o autore: Londsdale? O é solo la marca tarocca dei coatti romani?

images

 

 

No tags for this post.